Psicoterapeuta • Coach • Formatore

MA DOVE VAI SE LA BUSSOLA NON CE L’HAI?


Non tutti sono così fortunati da sapere esattamente cosa vogliono dalla loro vita, quali sono gli obiettivi che vogliono raggiungere, ed in quale maniera. Non tutti sono consapevoli delle proprie potenzialità, dei propri limiti e delle proprie caratteristiche al punto tale da conoscere cosa gli permette di controllare e gestire adeguatamente il proprio destino.

 

Ogni giorno molte persone seguono la massa vivendo di conformismo, adeguandosi cioè a tutti gli stereotipi di riferimento che la società, i media, le famiglie e le aziende propinano. Non sempre si riesce ad avere una buona consapevolezza con se stessi per sapere: “cosa vuoi tu!” non: “cosa ti fanno fare gli altri!chi vuoi essere tu! Non cosa sei costretto ad essere secondo le aspettative degli altri! Non tutti sono in grado di sapere in quale maniera realizzare giorno dopo giorno i propri obiettivi!

 

Ma specialmente di saper individuare ciò che si desidera rispetto a quello che non si desidera. Non tutti sono così fortunati da avere le idee chiare sulla propria vita e spesso bisogna proprio fermarsi a cercare dei metodi, delle modalità che ti permettono di riuscire ad individuarlo. Così, quando parliamo di bussola, è come se qualcuno l’avesse incorporata dentro di sé; parliamo cioè della capacità che una persona ha per effettuare un lavoro di introspezione con se stesso, per entrare dentro la cabina di pilotaggio della propria persona e delle proprie esigenze.

 

Ciò significa saper schiacciare i tasti giusti, muovere le leve adeguate per riuscire a percorrere, giorno dopo giorno, i sentieri prescelti. Come fare dunque se hai perso la bussola, se non l’hai incorporata dentro te stesso o ti sei perso e sei confuso? Molto semplice! Fermati a riflettere! Vai in un luogo per te positivo e stimolante: in bel giardino? Al mare? In campagna? L’importante che sia un luogo che ti faccia sentire a tuo agio. Poniti poi le seguenti domante e scrivi le risposte.

 

Al giorno d’oggi è fondamentale saper rispondere a domande del tipo: “Chi sono?”, “Chi voglio essere?”, “Dove voglio andare?”, “Cosa desidero oggi?”, “Cosa desidero per il mio domani?”, “Chi mi può aiutare?”, “Quali sono le cose che contano di più per me?”, “Che ruoli mi piacciono? Quali esercito poco?”, “A cosa ambisco!”.

 

Al giorno d’oggi la vita va gestita ed organizzata, perciò dobbiamo saper distribuire le nostre energie al meglio possibile. Quindi sapere:  che cosa vale per ognuno di noi? Che cosa invece ci fa paura? Cosa si teme? Che cosa non vorremmo essere? Da che cosa vorremmo fuggire? Riuscire a rispondere a queste ed altre domande e saper dare valide spiegazioni e relative motivazioni a se stessi, porta a conoscersi bene, a capirsi, ed avere conoscenza di sé, ed acquisire coscienza che il nostro essere lo determiniamo noi, con la consapevolezza di se stessi.

 

Ma questo è solo il punto di partenza! Prima metti a fuoco la tua vita, poi percorrila!

 

Steve Benedettini Psicologo/coach

I commenti sono chiusi