Psicoterapeuta • Coach • Formatore

IL S.I.N.A.P.: LA PERSONA DEMOTIVANTE

Vi capita mai di trovare persone che Influenzano Negativamente Altre Persone? Quelli un po’ pessimisti che vedono sempre tutto nero? Quelli che smontano gli entusiasmi e la voglia di fare? Sì, persone che hanno esaurito la loro energia vitale e che vi succhiano la vostra? Stiamo parlando di persone logorate dalle esperienze difficili della vita, dalle fatiche, dalle sofferenze, dallo stress e che molto probabilmente non hanno realizzato né i loro ideali di vita, né le loro passioni.

 

Chiunque voglia realizzare i propri ideali dovrà combattere le difficoltà ed impegnarsi a gestire la complessità della vita, che porta anche a scottarsi, in alcuni casi. Ogni tanto queste “ferite emotive” sono però così forti che possono penetrare nel profondo e senza che ce ne rendiamo conto diventare “ferite dell’anima”, che lasciano poi scarichi ed abbattuti. Chi non riesce a realizzare i propri sogni può abbattersi.

 

A quel punto, perso il credo della vita, si diventa pessimisti, non solo in certi momenti, ma costantemente. È in questo stato che il la persona diventa un Soggetto che comincia ad Influenzare Negativamente anche le Altre Persone, da cui l’acronimo  S.I.N.A.P. il S.I.N.A.P. ha smesso di lottare per ciò in cui credeva; è diventato rassegnato. Il S.I.N.A.P. è una persona demotivante che sopravvive e alimenta le note pessimiste e prima o poi trova, in chi lo circonda, ascolto e disponibilità, riuscendo così a fare breccia e a  portare i suoi affondi creando negatività.

 

Il S.I.N.A.P. corrode un po’ alla volta il tuo atteggiamento mentale positivo e ti mette in uno stato d’animo cupo come il suo, dove non avrai più abbastanza vitalità nel fare, perché ti succhia tutte le energie. Purtroppo stiamo parlando di persone che non chiedono aiuto per il malessere che vivono e quindi coinvolgono gli altri nel loro stato negativo. Proprio perché sono persone che non si metto più in discussione, non ammettono i loro errori, considerano sbagliati tutti gli altri e non ascoltano più nessuno, per farsi aiutare.

 

Così, se siete fra quelli che hanno una o più relazioni con un S.I.N.A.P., è bene gestirlo con azioni di contenimento e limitare l’influenza negativa che la “persona demotivante” ha specialmente su di noi. Innanzitutto, se puoi, frequentala per tempi ridotti o il meno possibile; sii chiaro e trasparente: cioè esprimi sempre ciò che pensi con chiarezza nel bene e nel male; non litigarci, non starci a fare discussioni accese, tutte queste cose la rafforzano invece di indebolirla; non metterti mai a parlarle dei tuoi o suoi problemi con lei: li ingigantisce e poi li userà come spunti per criticarti ulteriormente; ma la cosa migliore da fare, è gestirli con ironia evitando di prenderli troppo sul serio.

 

Ridere è più salutare che rimuginare e polemizzare!

 

L’entusiasmo della vita è un dono prezioso! Evitiamo di farcelo smontare gratuitamente, specialmente da chi ha gettato la spugna.

 

 

Steve Benedettini Psicologo/coach

I commenti sono chiusi