Psicoterapeuta • Coach • Formatore

ESSERE LEADER: AVERE POTERE O ESSERE VINCENTI?

La leadership è la capacità di creare le condizioni ottimali, affinché un gruppo di persone lavori insieme per la realizzazione pratica di un sogno. Non è quindi solo un ruolo di potere, ma il punto di congiunzione tra i risultati e coloro che hanno scelto di operare con un leader nella strada verso il successo.

Le ispirazioni della leadership trovano il veicolo fondamentale di trasmissione nella motivazione; essa crea e richiama le condizioni essenziali della leadership: come il pionierismo, l’impegno, il confronto e la sintonizzazione del singolo con il gruppo per creare una master-mind; essa favorisce il superamento dei limiti personali costruendo il vero e proprio lavoro di squadra. 

Il leader unisce le idee con le azioni, il dire col fare, il pensare con l’agire, adotta perciò delle dinamiche che gli consentono di arrivare al successo: egli incarna i principi della sua filosofia, gestisce le dinamiche del comportamento e fa in modo che il suo gruppo realizzi nella pratica gli obiettivi prefissati, così durante le fasi di criticità, il coraggio, il desiderio, la determinazione e la decisione saranno i principali compagni di viaggio di una leadership di successo: sempre secondo dei must che guidano al successo:

  1. L’Universo ti premia, se vai a prenderti ciò che ti ha riservato il Big Bang!
  2. Appassionati! Credici! Sogna in grande! Ciò che visualizzi, crei! Ciò che pensi, diventi! Ciò che senti, attiri! Ciò che comunichi, stimoli!
  3. Progettare il futuro con gli altri per esserci sempre; la ricerca del successo porterà ad affrontare le cose formando team compatti contro le sfide.
  4. Memento audere semper! Ricordarsi che tutto è possibile! Fondamentale è osare! Chi osa di più otterrà di più!
  5. Affrontare il mare sempre agitato e sapere che l’equipaggio sarà spesso sballottato dal navigare, ma tenere unito e compatto il team per affrontare le tempeste e giungere alle mete finali è compito del leader;
  6. Smettere di andare alla ricerca di colpevoli di fronte ai fallimenti e mettersi in discussione per superare gli alibi;
  7. Metodo che non funziona va cambiato: se le azioni adottate non danno riscontro, bisogna cambiare e trovare altre soluzioni;
  8. Fondamentale è motivare le persone, affinché si possano correggere le azioni e superare gli ostacoli;
  9. Se la coperta è corta e si è ristretta; se le cose non torneranno più come prima; arrendiamoci! Il passato è passato! Siamo qui ed ora! Pensiamo al futuro!
  10. Di fronte ai fallimenti, occorre mettersi in gioco e ricominciare da capo, come quando eravamo ancora “nessuno” ed “avevamo nulla”, ed uscire dalle zone di comfort;
  11. Smetterla di essere dei “Problem Solving Man”, dei pompieri e diventare invece dei Leader delegando e formando le persone;
  12. Sapere di dover sempre fare di più degli altri per i risultati, per essere vincenti, ma disposti a tutto; costi quel che costi!

Steve Benedettini Psicologo/coach

I commenti sono chiusi